1857-India’s Struggle for Freedom-NANA SAHEB

author
1 minute, 0 seconds Read

Del gran numero di combattenti per la libertà, che ha guidato la lotta, quattro sono stati commemorati attraverso la presente serie, che fa parte della più ampia serie sulla Lotta dell’India per la libertà.

Un Maratha, uno dei leader della prima guerra d’indipendenza, Nana Saheb nacque nel 1824 da Narayan Bhatt e Ganga Bai. Nel 1827 i suoi genitori andarono alla corte dell’ultimo Peshwa Baji Rao, che adottò Nana Saheb, rendendolo così erede presuntivo al trono.

Nana Saheb era ben istruita. Studiò sanscrito ed era noto per la sua profonda natura religiosa. Alla morte dell’ultimo Peshwa, Baji Rao-II, nel 1851 il governo della Compagnia interruppe la pensione annuale e il titolo. Il ricorso di Nana Saheb alla Corte di amministrazione non è stato accettato. Questo lo rese ostile verso i governanti britannici. Quando scoppiò la prima guerra d’Indipendenza, assunse la guida degli ammutinati a Kanpur. Dopo aver catturato Kanpur, che aveva una piccola guarnigione britannica, Nana Saheb si proclamò Peshwa e chiese lo sterminio totale della potenza britannica in India.

Kanpur fu riconquistata dagli inglesi sotto il generale Havelock e l’ultimo serio impegno (16 luglio 1857) portò alla totale disfatta delle forze di Nana. Nana cavalcò verso una destinazione sconosciuta in Nepal nel 1859 e probabilmente perì nella giungla.

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.