Floaters and Flashes

author
1 minute, 48 seconds Read

Secondo EYEWiki:

Floaters

I Floaters sono depositi di varie dimensioni, forma, consistenza, indice di rifrazione e motilità all’interno dell’umore vitreo dell’occhio, che è normalmente trasparente. In giovane età il vitreo è perfettamente trasparente ma durante la vita si sviluppano gradualmente imperfezioni. Il tipo comune di galleggiante, che è presente negli occhi della maggior parte delle persone, è dovuto ai cambiamenti degenerativi dell’umore vitreo. La percezione dei floater è nota come miodesopsia, o meno comunemente come miiodeopsia, miiodesopsia o miodeopsia. Sono anche chiamati Muscae volitantes (dal latino, che significa “mosche volanti”), o mouches volantes (dal francese). I floater sono visibili a causa delle ombre che proiettano sulla retina o della loro rifrazione della luce che li attraversa e possono apparire da soli o insieme a molti altri nel proprio campo visivo. Possono apparire come macchie, fili o frammenti di ragnatele, che fluttuano lentamente davanti agli occhi dell’osservatore. Poiché questi oggetti esistono all’interno dell’occhio stesso, non sono illusioni ottiche ma sono fenomeni entoptici.

Maggiori informazioni si trova al link sottostante:

Floaters

Secondo EYEWiki:

Flash

La fotopsia (Flash) è la presenza di lampi di luce percepiti. È più comunemente associato a distacco vitreo posteriore, emicrania con aura, aura emicranica senza mal di testa, rottura o distacco della retina, infarto del lobo occipitale e deprivazione sensoriale (allucinazioni oftalmopatiche). Il restringimento vitreo o la liquifazione, che sono le cause più comuni di fotopsia, causano una trazione negli allegati vitreoretinici, irritando la retina e facendola scaricare impulsi elettrici. Questi impulsi sono interpretati dal cervello come ‘lampi’.

Questa condizione è stata anche identificata come un sintomo iniziale comune di coroidite interna puntata (PIC), una rara malattia autoimmune retinica che si ritiene sia causata dal sistema immunitario che attacca e distrugge erroneamente la retina.

La fotopsia può presentarsi come distacco della retina quando esaminata da un optometrista o da un oftalmologo. Tuttavia, può anche essere un segno di melanoma oculare. Questa condizione è estremamente rara (una persona su 5 milioni ne sarà colpita, tipicamente europei del nord dalla pelle chiara e dagli occhi azzurri) ma se non trattata, migrerà verso il fegato e ridurrà l’aspettativa di vita. La fotopsia deve essere studiata immediatamente.

Un’altra causa può essere spasmi nervosi.

Ulteriori informazioni si trovano al link sottostante:

Lampeggia

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.