Il profitto di Nissan crolla mentre lotta per superare i problemi di gestione

author
1 minute, 45 seconds Read

Il peggioramento delle condizioni economiche ha colpito anche i partner dell’alleanza Nissan. Le entrate di Renault sono diminuite del 6,4% nella prima metà di 2019 rispetto a un anno prima e l’utile operativo è sceso del 11,8%. In Mitsubishi, i profitti sono crollati del 95% durante la prima metà del suo anno fiscale.

Ma alcuni dei problemi di Nissan sono autoinflitti. Sotto il sig. Ghosn, la società si è concentrata sull’espansione della sua quota del mercato americano attualizzando in modo aggressivo i suoi veicoli e aumentando le vendite della flotta – una strategia che ha scalato i concessionari e, dice ora Nissan, ha minato il suo marchio.

Nissan ha anche fallito nello sviluppo di veicoli che fanno appello ai gusti mutevoli dei consumatori americani, che sono più interessati ai camion e ai veicoli sportivi rispetto alle berline serene di Nissan. E mentre la società ha cercato di affrontare questi problemi, i suoi ranghi superiori hanno trascorso gran parte dell’ultimo anno consumato con battaglie per riempire il vuoto di potere creato da Mr. La cacciata di Ghosn.

” A differenza del passato, non stiamo inseguendo quote di mercato. Non stiamo inseguendo il volume”, ha detto ai giornalisti il Chief Financial officer in arrivo della società, Stephen Ma, in una conferenza stampa presso la sede della società a Yokohama.

“La cosa più importante per noi in questo momento sono i fondamentali del business negli Stati Uniti”, ha detto, aggiungendo che si aspettava che la società vedesse miglioramenti nel mercato nei prossimi mesi.

Il cambiamento fa parte degli sforzi più ampi della società per fare un nuovo inizio. Il sig. Saikawa, che ha guidato Nissan per la maggior parte dell’ultimo anno, si è dimesso a settembre dopo un voto unanime del consiglio di amministrazione della società. Fu estromesso in risposta alla sua ammissione di aver ricevuto compensation 440.000 in compensazione impropria. Rivelazioni di pagamenti impropri ad altri dirigenti, tra cui due dei principali attori della caduta di Ghosn, seguirono rapidamente

Settimane dopo, la società ha riorganizzato la sua leadership senior, nominando l’ex capo della sua divisione cinese, Makoto Uchida, come nuovo amministratore delegato.

Sig. Uchida prenderà ufficialmente le redini di Nissan a dicembre.

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.