Olanzapina. Profilo farmacocinetico e farmacodinamico

author
2 minutes, 1 second Read

Studi multicentrici in pazienti schizofrenici hanno confermato che olanzapina è un nuovo agente antipsicotico di ampia efficacia, che induce una risposta sia nei sintomi positivi che negativi della schizofrenia. Rispetto agli antipsicotici tradizionali, olanzapina provoca una minore incidenza di sintomi extrapiramidali e una perturbazione minima dei livelli di prolattina. In generale, olanzapina è ben tollerata. La farmacocinetica di olanzapina è lineare e proporzionale alla dose all ‘interno dell’ intervallo di dosaggio approvato. La sua emivita media in individui sani era di 33 ore, che vanno da 21 a 54 ore. La clearance plasmatica apparente media è stata di 26 L/h, compresa tra 12 e 47 L/h. I fumatori e gli uomini hanno una clearance di olanzapina più elevata rispetto alle donne e ai non fumatori. Dopo la somministrazione di olanzapina, circa il 60% della radioattività è stata escreta nelle urine e il 30% nelle feci. Olanzapina si lega prevalentemente all ‘albumina (90%) e all’ alfa 1-glicoproteina acida (77%). Olanzapine is metabolised to its 10- and 4′-N-glucuronides, 4′-N-desmethylolanzapine and olanzapine N-oxide (flavin mono-oxygenase 3). Metabolism to 2-hydroxymethylolanzapine via CYP2D6 is a minor pathway. The 10-N-glucuronide is the most abundant metabolite, but formation of 4′-N-desmethylolanzapine is correlated with the clearance of olanzapine. Olanzapine does not inhibit CYP isozymes. No clinically significant metabolic interactions were found between olanzapine and diazepam, alcohol (ethanol), imipramine, R/S-warfarin, aminophylline, biperiden, lithium or fluoxetine. Fluvoxamina, un inibitore del CYP1A2, aumenta le concentrazioni plasmatiche di olanzapina; gli induttori del CYP1A2, inclusi il fumo di tabacco e la carbamazepina, riducono le concentrazioni di olanzapina. In caso di co-somministrazione di olanzapina e diazepam o alcool sono state osservate alterazioni ortostatiche. Interazioni farmacodinamiche si sono verificate tra olanzapina e alcol, e olanzapina e imipramina, il che implica che i pazienti devono evitare l ‘ uso di attrezzature pericolose o la guida di automobili mentre manifestano gli effetti a breve termine delle associazioni. I fattori individuali con il maggiore impatto sulla farmacocinetica di olanzapina sono il sesso e il fumo. La clearance plasmatica di olanzapina varia generalmente in un intervallo di 4 volte, ma la variabilità della clearance e della concentrazione di olanzapina non sembra essere associata alla gravità o alla durata degli effetti avversi o al grado di efficacia. Pertanto, gli aggiustamenti del dosaggio sembrano non necessari per questi singoli fattori. Tuttavia, una modifica del dosaggio deve essere presa in considerazione per i pazienti caratterizzati da una combinazione di fattori associati a una diminuzione del metabolismo ossidativo, ad esempio donne debilitate o anziane che non sono fumatrici.

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.